testo
Copricapi
Pellerossa

"Da ogni parte ci giungevano richiami di uccelli ignoti. Richiami che non avevano nulla in comune con quelli degli altri volatili del creato...e persino uno scampanio insistente... era il verso del misterioso uccello campanaro (...) attirava gli uomini verso la morte nel profondo della foresta. (...) Chiunque avesse tentato di rintracciare un uccello campanaro si sarebbe trovato a percorre un cerchio senza fine. I suoi rintocchi erano il canto più bello e ossessivo che avessi mai udito. (...) Gli indios mi dissero che quelle noti squillanti erano più pericolose del ruggito di un giaguaro..." Leonard Clark, I Fiumi Scendevano a Oriente, 1954

 

"Calls of strange birds came out to us as we drifted by. They sounded like no
other birds on earth; rusty gates, shrill traffic whistles, foghorns, animal howls, clicks, beeps, bellows, roars-and there was even the persistent clanging of a bell. This last was the mysterious bellbird,.(...)  Anyone trying to locate the bellbird would certainly wander in circles. Its tolling was the most haunting and beautiful sound I have ever hear.(...) The Indians said the clear tones were more dangerous than the roar ..."

 

© 2019  by Mara Montanari